Una bottiglia capovolta alla Cantina La Cura

16/12/2016

blog image

Ingegno e sensibilità alla cantina La Cura fra bottiglie capovolte ed etichette in braille per i non vedenti. 

A Massa Marittima in provincia di Grosseto una piccola cantina ha lanciato un'idea rivoluzionaria per il suo prodotto di punta, il Vedetta,  una speciale selezione di cabernet sauvignon, un vino complesso ed elegante, appagante ed energico, dal finale lunghissimo.

E dietro al design innovativo della confezione “reverse”, c'è uno studio sulla conservazione del nettare di Bacco. 

Un piccolo e rivoluzionario accorgimento che permette al vino di esser conservato in posizione corretta, anche in verticale perché il tappo rimane bagnato. L’etichetta capovolta fa il resto.

“Capita troppo spesso – spiega il proprietario dell’azienda Enrico Corsi – che ristoranti ed enoteche, per ragioni commerciali, tendano a lasciare le bottiglie in piedi, in bella mostra, per mettere in risalto l’etichetta. Ma se il tappo non rimane bagnato, come quando il vino è in posizione orizzontale, rischia di seccarsi. Il sughero asciutto si restringe, non aderisce bene al collo della bottiglia e lascia passare troppa aria dall’esterno, aumentando il rischio che il vino si ossidi. Un produttore può curare ogni minimo dettaglio nei passaggi tra vigna e cantina, tra botte e bottiglia, ma se poi il vino non viene conservato in maniera corretta tutto il lavoro sarà stato inutile”

Il Vedetta è stato inoltre il primo prodotto della Cantina La Cura adattato alle esigenze di ciechi e ipovedenti, grazie alla collaborazione con l'Uici sezione Grosseto. La bottiglia è più pesante rispetto a quelle tradizionali, per esser meglio maneggiata da chi non possiede il senso della vista, presenta un'etichetta in braille e un QRcode interattivo, a cui è collegata una spiegazione vocale del vino, attivabile tramite smartphone. Oggi, l’etichetta con caratteri in braille è estesa a tutta la gamma dei vini prodotti. 

Il Vedetta Reverse si presenta in elegante cofanetto di legno protetta da plexiglas, con etichetta alla rovescia rispetto alle bottiglie tradizionali, per poter esser letta conservando – verticalmente – la bottiglia capovolta.