14° ANTEPRIMA VERNACCIA DI SAN GIMIGNANO 2019

14/02/2019

blog image

Benvenuti a San Gimignano, sintesi tra paesaggio, sapere, arte e cultura tutto questo in poco meno di 800

ha ( solo per Vernaccia) e 40 produttori che presentano i loro vini.

La conferma di un territorio unico che regala sapidità ed equilibrio, ma più di tutto una longevità fuori dal

comune.

Abbiamo assaggiato per voi:

- 2018 Le Calcinaie : oro luminoso. Balsamico, vegetale ed agrumato chiude in un leggero salmastro. Sul

palato un grip acido notevole, a tutto pompelmo, chiude sapido mostrando un buon potenziale.

Teruzzi : oro luminoso, mentolato, pera, gesso, iodio e vegetale. La sapidità vince a mani basse,

comanda lei! Impronta di grande scorrevolezza e piacevolezza, non interessa il centro bocca, ma la beva e

la chiusura risulta oltraggiosamente minerale. Da bere e ribere.

- 2017 Il Colombaio di Santa Chiara "Campo alla Pieve": paglierino verdolino accecante nella sua

luminosità. Cedro, mughetto, polvere di gesso, mela verde e agrume. Palato teso e sapido buona la

concentrazione nel centro bocca, stupisce su questo aspetto, si affaccia l'agrume sconfitto però da una scia

sapida iodata dal sapore di alga, bella lunghezza di gusto.

Signano riserva "La Ginestra" : oro caldo e luminoso, susina, mela cotogna, cedro candito, pan

brioche, biscotteria da forno, burro di noccioline e poi alloro e anice stellato. Ricco pieno avvolgente di

ottimo volume liquido e grande energia sapida. Chiude salato e tremendamente elegante.

- 2016 Cesani riserva "Sanice" : oro caldo e luminoso. Fiori gialli, frutta secca, fico e dattero, fieno, iodio e

alga marina. Strepitoso equilibrio e immensa sapidità, ottimo volume liquido figlio della concentrazione,

Pieno e soddisfacente il palato, un potenziale evolutivo enorme ma non si disdice di certo la beva attuale.

-2015 Casale Falchini riserva "Vigna a Solatio": un'oro molto invitante che vira su tonalità calde. Tiglio, erbe

aromatiche, pera matura e miele d'acacia. Una vena di calore che favorisce l'apertura del vino sul palato,

media freschezza e tanta sapidità, elegante e largo nel centro bocca, rotondeggiante.

Montenidoli "Carato": oro caldo e lucente. Noce moscata, burro, tostato, frutta secca, pesca matura,

erbe aromatiche, resina e iodio. Bocca larga e saporosa, equilibrio nella sapidità marcata, avvolgente e

ricco, elegante fuoriclasse, nella targa si legge chiaramente San Gimignano, anche da lontano.

Panizzi riserva: oro acceso, agrume, povere di gesso, mela, vegetale, susina, balsamico e iodato. Bocca

agile e fresca, dinamico di media avvolgenza, scorrevole sino a perdersi nella sapidità. Lungo nel sapore

come nel potenziale evolutivo.

Ci siamo proprio divertiti, penso che torneremo presto a San Gimignano.